Il Sostegno

  CHI E’?   L’insegnante di sostegno è una figura professionale e specializzata, con il compito di essere, all’interno del team […]

  CHI E’?  

  • L’insegnante di sostegno è una figura professionale e specializzata, con il compito di essere, all’interno del team docente, un riferimento specifico per la progettazione, la realizzazione e la verifica degli interventi idonei ad affrontare positivamente le situazioni di disabilità presenti nella classe.
  • E’ contitolare, a tutti gli effetti, della classe.
  • E’ di supporto e sostegno al lavoro della classe
CHE COSA FA? 
  • Consulta la documentazione relativa all’alunno diversamente abile, reperisce le prime informazioni dai colleghi, dalla famiglia e dalla ASL competente per territorio.
  • Svolge attività sistematica di osservazione dell’alunno nel contesto della classe.
  • Promuove attività di toutoring in classe.
  • Stende il P.E.I. in collaborazione con gli insegnanti di classe, i genitori e gli operatori ASL.
  • Media i rapporti tra tutte le figure che ruotano intorno all’alunno in una logica di rete (insegnanti di classe, ASL, dirigente scolastico, educatori, genitori, Ente Locale) al fine di accompagnare il progetto di vita dell’alunno diversamente abile e qualificare i contesti in cui esso si realizza.
  • Partecipa al lavoro di programmazione didattica – educativa della classe.
  • Mette a disposizione le proprie competenze e si confronta con i colleghi sulle problematiche relative agli apprendimenti e ai comportamenti degli alunni.
  • Suggerisce nuove modalità di insegnamento/apprendimento e strategie di semplificazione e adattamento che tengano conto dei tempi di apprendimento e dei diversi stili cognitivi di ciascun alunno.
  • Collabora alla stesura del POF d’Istituto.
  • Sollecita interventi e finanziamenti (comunali, provinciali, regionali) per operare concretamente e contribuire alla realizzazione del progetto di vita della persona disabile.
  • E’ di aiuto alla famiglia dell’alunno diversamente abile nel reperire tutte le informazioni utili sulle realtà che operano nel territorio e sulla normativa vigente.
  • Partecipa agli incontri di Commissione H per confrontarsi con gli altri insegnanti.
  • Svolge prevalentemente il suo lavoro all’interno della classe, per favorire il più possibile l’integrazione dell’alunno diversamente abile.

 

……………………………………………………………………………………………………………………………….

LA NORMATIVA


PRIMA DELLA L.104/92
  • Commissione ministeriale Falcucci /75: la scuola pubblica viene vista come uno dei luoghi più importanti per l’integrazione degli alunni con deficit il cui inserimento implica un nuovo modo di fare scuola.
  • Decreti Delegati/74: la gestione dei “casi” viene assegnata alla collegialità dei docenti in collaborazione con il servizio sanitario del territorio.
  • C.M. 227/75: diffonde il documento della Commissione Falcucci; regolamenta la sperimentazione dell’integrazione graduale degli alunni con handicap nella scuola comune; determina il limite di 20 alunni per ciascuna classe o sezione in cui sono inseriti alunni disabili; suggerisce flessibilità organizzativa.
  • L. 517/77: sancisce la realizzazione di interventi individualizzati, la prestazione di insegnanti specializzati, l’abbandono del voto numerico, l’elaborazione della programmazione dell’attività didattica. Questa legge ribadisce con forza il diritto allo studiodi ogni alunno che consiste nel diritto di ciascuno di raggiungere i traguardi culturali e sociali che la scuola si pone per tutti.
  • C.M. 199/79: definisce il ruolo dell’insegnante di sostegno che deve “…. essere pienamente coinvolto nella programmazione educativa e partecipare a pari titolo all’elaborazione ed alla verifica delle attività di competenza dei consigli e dei collegi docenti”.
  • C.M. 258/83: vengono fissate le basi per un proficuo raccordo tra Scuola/Enti Locali/ASL e vengono indicate le specifiche competenze riguardanti: la certificazione, la stesura della diagnosi e del profilo funzionale, la programmazione del piano educativo individualizzato.
  • D.P.R. 104/85: nuovi programmi della scuola primaria. Nel paragrafo “Diversità e uguaglianza” vengono poste le basi dell’integrazione scolastica.
  • C.M. 250/85: riprende quanto affermato dai Programmi e dalle circolari precedenti: partire dalle potenzialità del soggetto e dai suoi bisogni educativi; conoscere, attraverso la diagnosi funzionale, sia le difficoltà d’apprendimento che, e soprattutto, le possibilità di recupero; coinvolgere nel progetto d’integrazione tutti gli insegnanti del team.
  • C.M. 1/88: continuità educativa nel processo d’integrazione degli alunni portatori di handicap.
  • L. 148/90: riforma degli ordinamenti della scuola elementare. Ribadisce il rispetto e la valorizzazione delle diversità individuali, sociali e culturali; conferma il limite numerico di 20 alunni e la contitolarità dell’insegnante di sostegno nelle classi in cui opera.
  • C.M. 184/91: rapporto medio di 1 insegnante di sostegno ogni 4 alunni, la delega a tale rapporto si correla alla “……. necessità di interventi maggiormente individualizzati.”, si esclude ogni automatismo tra gravità clinica del deficit e decisione di deroga; le motivazioni della necessità di deroga saranno documentate dalla diagnosi funzionale; l’insegnante di sostegno rappresenta una risorsa non solo per il bambino con handicap, ma anche per la classe.
LEGGE 5 FEBBRAIO 1992 N° 104

Ridefinisce e riordina tutta la materia riguardante l’assistenza, l’integrazione e i diritti delle persone handicappate:

  • Risponde ad un’esigenza di condivisione fra tutte le componenti della società (scuola, famiglia, lavoro, ASL, Enti Locali….) per ricostruire l’unità dell’idea di integrazione.
  • Sancisce il rispetto del disabile nella propria identità e diversità.
  • Promuove una cultura dell’handicap che sottolinea il primato della persona e del cittadino sull’handicappato.
  • Sancisce il diritto all’educazione e all’istruzione e le difficoltà di apprendimento non possono annullare questo diritto.
  • Stabilisce come adempimenti obbligatori la diagnosi funzionale (DF), il Profilo Dinamico Funzionale ( PDF) e il Piano Educativo individualizzato (PEI).
  • Definisce le intese istituzionali tramite accordi di programma.
  • Obbliga gli EE.LL. a fornire gli assistenti per disabili.
  • Garantisce i posti di sostegno in ogni ordine di scuola
  • Conferma la contitolarità degli insegnanti di sostegno.
  • Costruisce una nuova immagine di persona diversamente abile al quale deve essere garantito l’accesso alla rete culturale e sociale e al quale viene anche richiesto, in base alle proprie caratteristiche e potenzialità, di essere un membro attivo della società.
INDIVIDUAZIONE DELL’ALUNNO COME PERSONA DI CUI ALLA L.104/92L’ASL s’impegna a redigere l’individuazione a seguito di una richiesta della famiglia dell’alunno, a consegnarla alla
famiglia che avrà cura di presentarla alla scuola. S’impegna a prevedere il rilascio della certificazione in tempo utile per la definizione del fabbisogno dei docenti di sostegno.
  • La famiglia deve garantire la stesura della documentazione prevista dalla L.104 anche se il bambino è seguito da uno specialista privato. La certificazione deve, però, essere convalidata dall’ASL Locale.
  • La scuola s’impegna a fornire alla famiglia tutte le informazioni necessarie affinché possa accedere alle provvidenze previste dalla L.104/92; a predisporre tutto ciò che è utile per l’accoglienza e la frequenza del bambino certificato come persona disabile; ad organizzare un incontro con la famiglia per avviare la collaborazione ed ampliare la conoscenza dell’alunno; a contattare il comune nei casi in cui sia segnalata l’esigenza di personale educativo assistenziale.
ACCORDO DI PROGRAMMA PROVINCIALEE’ firmato da: il Presidente della Provincia di PR, il Direttore generale dell’ASL, i sindaci dei comuni della provincia, il Dirigente del CSA, i Dirigenti scolastici delle scuole statali e paritarie.
  • E’ finalizzato a consolidare e rimotivare la cultura dell’accoglienza nella scuola di tutti, privilegiando in particolare gli alunni che vivono una condizione personale di segnalata difficoltà.
  • E’ applicato alle scuole per l’infanzia, alle scuole elementari, medie e superiori, statali e paritarie.
 

……………………………………………………………………………………………………………………………….

LA DOCUMENTAZIONE

DIAGNOSI FUNZIONALEContiene in forma di relazione la descrizione del quadro clinico rilevato durante il percorso diagnostico, oltre alle indicazioni delle potenzialità evolutive sulle singole aree.
  • L’ASL s’impegna a compilare la DF in tempo per l’assegnazione del personale di sostegno e ad aggiornarla ad ogni passaggio di grado scolastico.
PROFILO DINAMICO FUNZIONALEPone in rilievo: le difficoltà di apprendimento conseguenti al deficit, le possibilità di recupero, le capacità possedute (desunte dalla DF) ed indica le caratteristiche fisiche, psichiche, sociali ed affettive dell’alunno disabile.
  • L’ASL e le istituzioni scolastiche assumono l’impegno di concordare, entro il mese di dicembre, un incontro che vede la partecipazione del team docente, del referente dell’ASL che segue l’alunno, dell’eventuale assistente. Alla redazione del profilo concorre la famiglia.
  • Il profilo è redatto in forma scritta e tutti coloro che partecipano alla sua stesura firmano il documento conclusivo. Il profilo si aggiorna ad ogni passaggio di grado scolastico
PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO
  • L’ASL s’impegna all’elaborazione, insieme alla scuola, di un progetto unitario di integrazione dell’alunno, che allarghi al territorio il lavoro compiuto dalla scuola. Assicura che gli incontri di lavoro con la scuola, sia per gli adempimenti del PEI che per la stesura del PDF, siano almeno due nell’anno scolastico, ad eccezione per gli alunni certificati per la prima volta o trasferiti da altra provincia, per i quali verranno concordate modalità particolari.
  • Il Piano Educativo Individualizzato (P.E.I.), è il documento nel quale vengono descritti gli interventi integrati ed equilibrati tra di loro, predisposti per l’alunno in situazione di handicap, in un determinato periodo di tempo, ai fini della realizzazione del diritto all’educazione e all’istruzione (vedi i primi quattro comma art. 12 della L.Q.104/92).
  • Il P.E.I. è redatto dagli operatori sanitari, dal personale insegnante curriculare e di sostegno della scuola in collaborazione con i genitori.
  • Nella definizione del P.E.I. i soggetti sopra citati propongono, ciascuno in base alla propria esperienza pedagogica, medica e di contatto e sulla base dei dati derivanti dalla D.F. e dal P.D.F., gli interventi finalizzati alla piena realizzazione del diritto all’educazione, all’istruzione ed integrazione scolastica dell’alunno disabile. Detti interventi propositivi vengono, successivamente, integrati tra di loro, in modo da giungere alla redazione conclusiva di un piano educativo che sia correlato alle disabilità dell’alunno stesso, alle sue conseguenti difficoltà e alle potenzialità dell’alunno comunque disponibili.
  • Il P.E.I. tiene presenti anche le forme di integrazione tra attività scolastiche ed extrascolastiche

DOCUMENTI

 Piano Educativo

 Percorsi Possibili

Nuove Modalità di accertamento della disabilità

Valutazione

……………………………………………………………………………………………………………………………….

LINK UTILI

TECNOLOGIE per l’HANDICAP

http://www.impararegiocando.it/
ImparareGiocando è un nuovo sito  per la diffusione di software formativo e riabilitativo.

http://www.bdp.it/handitecno/
Tecnologie didattiche per l’handicap. Handitecno è un progetto sviluppato dall’INDIRE con la collaborazione del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca.

http://www.siva.it/
Sito della Fondazione Don Carlo Gnocchi dedicato alla tecnologie per l’autonomia e l’integrazione sociale delle persone con disabilità.

http://www.arpnet.it/~area/welcome.htm
AREA - Associazione Regionale Amici degli Handicappati – Torino – Centro Documentazione Software e Disabilità

http://www.asphi.it/
ASPHI - Associazione per lo Sviluppo di Progetti Informatici per gli Handicappati

http://www.ausilioteca.org
AUSILIOTECA - servizio a cura dell’Azienda ULS di Bologna e della Sezione AIAS bolognese

 http://www.esrin.esa.it:8080/handy/home.html
ORSA MINORE - software ed hardware a supporto dei disabili

DIVERSAMENTE ABILI

http://www.univirtual.it/corsi/2002_2003/donati/download/adattataM01.pdf
Guida alle principali patologie: in un quadro essenziale, le fondamentali informazioni riguardanti le varie tipologie di disabilità, intellettiva e fisica. (File Pdf, Donatella Donati, SSIS Veneto)

MINORAZIONE VISIVA

http://www.braillenet.it/
Benvenuti nel primo motore di ricerca al mondo dedicato ai non vedenti!  

http://www.cisad.it/invitoalbraille/html/invitobraille.html
Corso on line pensato e realizzato per facilitare l’apprendimento del sistema di lettura e scrittura Braille in persone adulte vedenti.

http://www.uiciechi.it/
L’Unione Italiana Ciechi

http://www.comune.venezia.it/letturagevolata/
Il Progetto Lettura Agevolata è un servizio promosso dal Comune di Venezia per facilitare l’accesso alla cultura e all’informazione da parte delle persone con ridotte capacità visive, ma anche per sensibilizzare la collettività sui temi legati alla minorazione della vista.

MINORAZIONE UDITIVA

http://www.dizlis.it/
Portale DIZLIS dedicato alla Lingua Italiana dei Segni (LIS) con informazioni, news, video in LIS e il dizionario LIS (accessibile previa registrazione gratuita).  

http://www.ens.it/
Ente Nazionale Sordomuti  
Sito ufficiale dell’E.N.S, Ente Nazionale per la protezione e l’assistenza dei Sordomuti fondato nel 1932.

http://www.fiadda.it/
La Fiadda, fondata nel 1973 da alcune associazioni operanti nel campo degli audiolesi (Trento, Verona, Treviso e Genova ), in seguito si è sparsa su tutto il territorio nazionale, sino a giungere ad una presenza in tutte le regioni italiane. Attività: Assistenza ai genitori, agli audiolesi ed ai nuclei familiari.

SINDROME DI DOWN

http://www.aipd.it/
associazione italiana persone DOWN

http://www.vividown.org/
Associazione Italiana per la Ricerca Scientifica e per la Tutela della Persona Down – ONLUS-Fondata nel 1988

MINORAZIONE MOTORIA

http://www.aiasnazionale.it/
associazione italiana assistenza spastici

http://www.faip-onlus.it/principale.php?l=789&a=561
La F.A.I.P. è la Federazione delle Associazioni Italiane dei Para-tetraplegici

http://www.uildm.org/
Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare. Associazione nata per favorire la ricerca scientifica e l’informazione sanitaria sulla distrofia muscolare progressiva e per promuovere e favorire l’integrazione sociale della persona disabile.

AUTISMO

http://www.angsaonlus.org/
L’Associazione Nazionale Genitori Soggetti Autistici, A.N.G.S.A., è stata fondata nel febbraio 1985, per iniziativa di un piccolo gruppo di genitori di soggetti autistici coinvolti direttamente nella terapia dei propri figli

http://autismo.inews.it/
Guida pratica per i genitori. Sottotitolo: un manuale per non perdersi nel labirintico mondo dell’autismo.

http://www.bambinieautismo.org
Sito della Fondazione Bambini e Autismo Onlus.

DISLESSIA

http://www.dislessia.it/
Sito dell’AID, Associazione Italiana Dislessia.

http://www.dislessia.org/portale/
Sito della Sezione Romana dell’Associazione Italiana Dislessia

http://www.ospedalebambinogesu.it/portale/opbg.asp?iditem=1388&idon=128
La Dislessia Evolutiva è una difficoltà selettiva nella lettura- in presenza di: capacità cognitive adeguate , adeguate opportunità sociali e relazionali; -in assenza di: deficit sensoriali e neurologici ,disturbi psicologici primari.

http://www.unimo.it/servizi/dislessici.asp
L’Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia è sensibile al problema della dislessia.
La dislessia è un disturbo specifico di apprendimento che impedisce a soggetti normalmente intelligenti, di imparare a leggere e scrivere in modo corretto e fluente a causa di una mancata automatizzazione dei processi che regolano tali abilità.

http://www.logopedista.it/
Il portale italiano della logopedia. Spazio anche ai disturbi specifici di apprendimento.

http://www.ditt-online.org
si puo’ scaricare un’utile guida in italiano.

http://www.bda-dyslexia.org.uk/ 
BDA – The British Dyslexia Association

http://www.interdys.org/ 
IDA – The International Dyslexia Association

http://www.bedford.ac.uk/eda/index.html 
EDA – European Dyslexia Association
Disturbo da Deficit di attenzione e iperattività  

http://www.univirtual.it/corsi/2002_2003/donati/download/AdattataM05All_a_Bertollo.pdf
I disturbi di attenzione, il ragazzo con ADH, contributo dell’attività motoria nell’intervento
(File Pdf, Maurizio Bertollo, SSIS Veneto )

http://www.univirtual.it/corsi/2002_2003/donati/download/AdattataM05all_b_Linee_Guida.pdf
Linee guida per la diagnosi e la terapia farmacologica dell’ADHD nell’età evolutiva
(File Pdf, G. Masi e A. Zuddas, SSIS Veneto)

http://www.aifa.it/
L’A.I.F.A. Onlus, un’Associazione con finalità di solidarietà sociale, informazione e divulgazione scientifica sul Disturbo da Deficit di attenzione e iperattività (ADHD: Attention Deficit Hyperactivity Disorder)

http://www.aidai.org/
AIDAI – Associazione Italiana Disturbi Attenzione e Iperattività

http://www.sinpia.it/
SINPIA – Società Italiana di Neuropsichiatria dell’Infanzia e dell’Adolescenza

DISABILITA’ MENTALE

http://www.ritardomentale.it/
Sito sul Ritardo mentale a cura dei Centri Documentazione per l’Integrazione delle persone disabili di Modena e Ferrara.

EPILESSIA

http://www2.comune.bologna.it/bologna/aice/
Associazione italiana contro l’epilessia

ISTITUZIONI PUBBLICHE

http://www.cnipa.gov.it
Centro nazionale per l’informatica nella pubblica amministrazione.

http://www.inail.it/
Sito Ufficiale dell’Istituto Nazionale per l’Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro  

NORMATIVA – HANDICAP

http://www.affarisocialihandicap.it/
Portale sull’handicap del Dipartimento per gli Affari Sociali.

http://www.edscuola.it/archivio/handicap/index.html
Sezione sull’handicap, a cura di Rolando Alberto Borzetti, del sito Educazione& Scuola. Particolarmente ricca e curata la parte sulla normativa.

http://www.handylex.org/
sito del Progetto HandyLex, un sistema informativo sugli aspetti legislativi connessi alla disabilità e all’handicap. Il servizio è curato dal Centro per la Documentazione Legislativa un servizio della Direzione Nazionale della UILDM, l’Unione Lotta alla Distrofia Muscolare.

http://www.scuolainweb.it/scuole.nsf/wHandicap
Tutte le scuole in web con attività di integrazione dei disabili, le norme sull’handicap. E ancora notizie, iniziative e informazioni utili per docenti, studenti e genitori

MODULISTICA

http://www.scuolainweb.it/scuole.nsf/wRicercaAvanzataPOF?SearchView&sez=POF&query=FIELD+Sezioni=POF
i POF on line: questa sezione consente di accedere direttamente al POF della scuola o delle scuole oggetto di ricerca. La ricerca può avvenire per ordine e grado di scuola (elementare, media, superiore), indirizzo di studio, regione, provincia, comune. E’ possibile anche effettuare delle ricerche avanzate, di tipo “incrociato” (riguardante, per esempio, i POF di  tutte le scuole medie di un determinato comune, o tutte le scuole elementari di una determinata regione).

COMUNE

http://www.ancitel.it/link/siti/index.cfm
La rete dei comuni italiani:per connettersi al sito Web del Comune di vostro interesse

SCUOLE ON LINE

http://www.scuolainweb.it/scuole.nsf/wRicercaScuole?SearchView&query=*
le scuole nel Web:questa sezione consente di accedere direttamente al sito della scuola o delle scuole oggetto di ricerca. La ricerca può avvenire per ordine e grado di scuola (elementare, media, superiore), indirizzo di studio, regione, provincia, comune. E’ possibile anche effettuare delle ricerche avanzate, di tipo “incrociato” (riguardanti, per esempio, tutte le scuole medie di una determinata provincia, o tutte le scuole elementari di una determinata regione)

Associazioni PER INSEGNANTI DI SOSTEGNO

http://spazioinwind.libero.it/handiscuola/index.html
il portale per gli insegnanti di sostegno

http://utenti.lycos.it/CNIS/
Associazione per il Coordinamento Nazionale degli Insegnanti Specializzati e per la Ricerca sull’Handicap

http://www.sostegno.org/
Sito Ufficiale del Coordinamento Italiano Insegnanti di Sostegno: notizie, documenti, legislazione, didattica e sezioni interattive.

http://www.integrazionescolastica.it/
F.A.D.I.S. - Federazione Associazioni di Docenti per l’Integrazione Scolastica.
Normativa, documenti, news…

http://www.accaparlante.it/cdh-bo/index.htm
L’ Associazione CDH è un centro di documentazione sul tema dell’handicap, del disagio sociale, del volontariato e del terzo settore esistente dal 1981. Composta da un’equipe di lavoro comprendente persone disabili e non, è un centro di produzione culturale che svolge la sua azione attraverso tre settori: la documentazione, l’informazione e la formazione.